Streghe Wiki
Advertisement

Piper: "Prova, Phoebe."
Phoebe: "Che devo fare?, pensare e basta?"
Piper: "E battere gli occhi."
Piper Halliwell insegna a Phoebe il batter d'occhio.

Batter d'occhio, è il potere di trasportarsi in un luogo o in una persona pensata in "un batter d'occhio". Questo è il modo di teletrasporto degli stregoni.

Descrizione[]

Il Batter d'occhio è un trasferimento istantaneo, solitamente accompagnato da un suono breve e acuto. Tuttavia, può anche essere accompagnato da un rapido sibilo. Il movimento è così veloce che può creare confusione a chi li circonda.

Secondo Melinda Warren, il suo amante Matthew Tate copiò il suo potere del batter d'occhio da un'altra strega. Ciò spiega che il potere di battere gli occhi era originariamente un potere delle streghe, ma dopo che fu rubato dagli stregoni secoli fa, iniziò a manifestarsi dentro di loro invece che nelle streghe, rendendolo un potere degli stregoni.[1]

Prue, Piper e Phoebe Halliwell acquisirono questo potere dopo essere stati trasformati in stregoni sotto l'influenza di un legame matrimoniale tra Prue ed uno stregone di nome Zile. Viene rivelato che quando gli stregoni vogliono trovare qualcuno, non devono sapere dove andare, ma possono semplicemente concentrarsi su quella persona e battere le palpebre.[2]

Debolezze[]

Il batter d'occhio dipende dagli occhi, che possono essere usati come debolezza. È stato dimostrato che le luci intense possono impedire a uno stregone di battere le palpebre.[3] Inoltre, le Streghe del Trio hanno creato una pozione per accecare gli stregoni con un lampo di luce, impedendo loro di battere le palpebre. Ciò li lascia temporaneamente vulnerabili agli attacchi.[4]

Elenco degli esseri che usano/hanno usato il Batter d'occhio[]

Potere originale
Tramite gli incantesimi, il furto di potere, ecc.
  • Matthew Tate (Rubato originariamente ad una strega)
  • Le Streghe del Trio (Quando vengono trasformati in stregoni)
  • Hogan (Lo ottiene successivamente in modo sconosciuto. Presumibilmente, la Sorgente risorta ha aumentato i suoi poteri a tal punto che egli possa battere le palpebre)

Galleria[]

Piccola triquetra L'articolo Batter d'occhio ha una sua Galleria Fotografica.

Appunti e Curiosità[]

  • Il batter d'occhio appare, e avviene più velocemente di qualsiasi altra forma di teletrasporto.
  • Uno dei romanzi di Streghe descrive la sensazione che prova l'utente a battere gli occhi; viene descritto come la sensazione di essere piegati, in realtà piuttosto lentamente, piegati ancora e ancora finché non si esce dall'esistenza e si appare da qualche altra parte. Tuttavia, come tutte quelle contenute nei romanzi, anche queste non vengono considerate informazioni canoniche.
  • È possibile che il batter d'occhio sia un potere neutro. Nell'episodio "Il ciondolo antico", Melinda dice che Matthew deve aver copiato il potere da una strega. Potrebbe darsi tuttavia che, essendo l'episodio all'inizio della serie, gli scrittori non avessero ancora capito quali poteri appartenessero a chi.
  • Il Libro delle Ombre implica che solo gli stregoni particolarmente potenti siano in grado di usare, il batter d'occhio. Tuttavia, ciò contraddice il fatto che alcuni potenti stregoni della prima stagione (Rex Buckland, Hannah Webster, Greg e Paul Rowe) apparentemente non potevano (ma questo poteva essere dovuto al fatto già menzionato con gli autori della serie). Inoltre, gli stregoni apparentemente più deboli (come Bacarra e il Cacciatore del Famiglio) erano in grado di usare il batter d'occhio.
  • Nonostante questo potere venga attivato dal battito delle palpebre dell'utilizzatore, la maggior parte delle volte in cui esso viene usato non si verifica alcun battito di ciglia.
  • È stato dimostrato che due Demone Ratto sono in grado di usare il batter d'occhio.[5]

Riferimenti[]

  1. Menzionato nell'episodio: "Il ciondolo antico"
  2. Come visto nell'episodio: "La sposa e le tenebre"
  3. Come visto nell'episodio: "Crisi matrimoniale"
  4. Visto per la prima volta nell'episodio: "L'ispirazione"
  5. Come visto nell'episodio: "L'importanza di chiamarsi Phoebe"
Advertisement